The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1566
2016-11-24 12:45:31
Manutius, Aldus.
Venedig, Aldus, 1566. Kl.-8°. Mit wiederh. Holzschn.-Druckermarke auf beiden Titelblättern. 800; 167 (1) S., 20 Bll., Späterer Kalbldr.-Bd. m. goldgepr. Deckelfileten. Seltene erste Ausgabe der endgültigen Fassung, die Ausgabe von 1561 umfasste gerade einmal 55 Blätter. Der zweite Teil mit eigenem Titelblatt „De veterum notarum explanatione quae in antiquis monumentis occurrunt“. - Aldus Manutius (1547–1597) war der jüngste und zugleich letzte Spross der berühmten Buchdruckerfamilie Aldus. Wahrscheinlich legte er mehr Wert auf seine sprachwissenschaftlichen Werke als auf den geschäftlichen Erfolg der Druckerei. Sein Vater, Paulus Manutius, wurde 1561 Leiter der Vatikanischen Buchdruckerei, die Druckerei in Venedig verfiel. 1590 folgte Aldus ihm nach Rom und übernahm dessen Stellung. - Der Autor gibt auch Hinweise zu Interpunktion, Vokalen und Diphthonge sowie zum Julianischen Kalender. - Einband etw. berieben. Rückenschild fehlt. Vorsatzbll. etw. gelockert, m. altem Namenzug u. mont. Exlibris. Etw. gebräunt (die ersten Bll. an den Rändern stärker). Rechte untere Ecke m. schwachem, abnehmendem Wasserrand. - Adams M 454; BM STC, Italian Books 412; Graesse IV, 376; Renouard 201, 12. Versand D: 12,00 EUR Aldus Manutius, Orthographiae ratio [...] collecta ex libris antiquis, grammaticis, etymologia, graeca consuetudine, nummis veteribus, tabulis aereis [...] kalendarium vetus Romanum
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes
2016-11-24 12:45:31
Manutius, Aldus.
Venedig, Aldus, 1566. Kl.-8°. Mit wiederh. Holzschn.-Druckermarke auf beiden Titelblättern. 800; 167 (1) S., 20 Bll., Späterer Kalbldr.-Bd. m. goldgepr. Deckelfileten. Seltene erste Ausgabe der endgültigen Fassung, die Ausgabe von 1561 umfasste gerade einmal 55 Blätter. Der zweite Teil mit eigenem Titelblatt „De veterum notarum explanatione quae in antiquis monumentis occurrunt“. - Aldus Manutius (1547–1597) war der jüngste und zugleich letzte Spross der berühmten Buchdruckerfamilie Aldus. Wahrscheinlich legte er mehr Wert auf seine sprachwissenschaftlichen Werke als auf den geschäftlichen Erfolg der Druckerei. Sein Vater, Paulus Manutius, wurde 1561 Leiter der Vatikanischen Buchdruckerei, die Druckerei in Venedig verfiel. 1590 folgte Aldus ihm nach Rom und übernahm dessen Stellung. - Der Autor gibt auch Hinweise zu Interpunktion, Vokalen und Diphthonge sowie zum Julianischen Kalender. - Einband etw. berieben. Rückenschild fehlt. Vorsatzbll. etw. gelockert, m. altem Namenzug u. mont. Exlibris. Etw. gebräunt (die ersten Bll. an den Rändern stärker). Rechte untere Ecke m. schwachem, abnehmendem Wasserrand. - Adams M 454; BM STC, Italian Books 412; Graesse IV, 376; Renouard 201, 12. Versand D: 9,80 EUR Aldus Manutius, Orthographiae ratio [...] collecta ex libris antiquis, grammaticis, etymologia, graeca consuetudine, nummis veteribus, tabulis aereis [...] kalendarium vetus Romanum
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes [Graz, Austria]
2016-11-22 15:43:38
DOLCE Lodovico
Giolito Gabriel, 1566. in-4, pp. (24), 254 (i.e. 258), (2), bella leg. pergamena floscia coeva. Impresa tipografica al titolo, e altra, sempre della Fenice, al verso dell'ultimo f.; testate e capilettera silografici. Prima edizione della vita di Ferdinando I d'Asburgo, imperatore (1503-64). Figlio dell'arciduca Filippo il Bello e di Giovanna la Pazza; fratello minore di Carlo V, gli succedette nel 1558 dopo la sua abdicazione. Ottimo esempl.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-11-13 13:03:52
BERNARDO DA CHIARAVALLE (S.)
per haeredes Ioannis Heruagij, 1566. In-4 gr. (mm. 362x240), p. pergam. antica, dorso a cordoni (picc. manc.) con tit. oro su tassello, 5 cc.nn., 1968 pp.num. (testo e numeraz. delle pagg. su due colonne), 5 cc.nn. di Appendice alle "Opere", 1 c.b., 23 cc.nn. di Indice. Cfr. Adams,I, (710), p. 114. "Bernardo di Chiaravalle (fr. Clairvaux), santo (1090/91 - 1153), dottore della chiesa, asceta, scrittore; di nobile famiglia, entrò nel monastero di Citeaux; fondò nel 1115 l'abbazia di Chiaravalle e si dedicò all'incremento dell'Ordine cistercense, che difese contro le critiche dei cluniacensi, e di cui egli, fermo nel sostenere l'applicazione della regola di S. Benedetto può ritenersi il secondo, e principale, fondatore.. Oratore efficacissimo, asceta e mistico.. i suoi sermoni sono fra i testi fondamentali della mistica cristiana occidentale". Così Diz. Treccani,II, p. 231. Con uniformi arross., più o meno lievi; qualche fiorit. o alone, ma complessivam. un discreto esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Malavasi
2016-11-11 14:21:18
[BRUTO Gian Michele].
In Lione, appresso Giovanni Martino, 1566, in-4. leg. coeva in piena pergamena floscia, pp. 51, [5]. Con marca xilografica sul front. Alcune antiche note manoscritte sui margini. Traduzione di Federico Alberti. Lieve alone alle prime carte. Traduzione italiana della prefazione alle "Storie" del Bruto. Moreni, I, p. 17: "Rarissimo".
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini [IT]
2016-11-01 20:33:43
(Ulloa, Alfonso de).
1566. 4to. (7) ff., 1 blank f., 88, (4) ff. With woodcut printer's device to title page. 19th century vellum with giltstamped red spine labels. First dated publication of Ulloa's account of the siege of Tripolis in Italian. Includes the three-page dedication to Johann Jakob Fugger - the only place in the book where Ulloa's name appears. The author, a courtier of King Philip II, celebrates the defence of St Angelo's fortress on Malta, modern Libya. - In the 1551 Siege of Tripoli, the Ottoman fleet vanquished the Knights of Malta in Tripoli; the city was captured on 15 August by Sinan Pasha after six days of bombardment. The knights, many of them French, were returned to Malta upon the intervention of the French ambassador, and shipped onboard his galleys, while the mercenaries were enslaved. Murad Agha, the Ottoman commander of Tajura since 1536, was named as the Pashalik of the city. The siege was the first step in the all-out Italian War of 1551-59 in the European theatre. In 1553, Dragut was nominated commander of Tripoli by Suleiman, making the city a centre for piratical raids in the Mediterranean and the capital of the Ottoman province of Tripolitania. In a famous attack from Tripoli, in 1558, Dragut attacked Reggio and took all its inhabitants as slaves to Tripoli. In 1560, a powerful naval force was sent to recapture Tripoli, but that force was defeated in the Battle of Djerba, an event also described in Ulloa's book. The end of the volume is brought up by an interesting four-page account of Malta ("Descrittione dell'Isola di Malta") and a list of the names of Christ … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-11-01 14:25:12
Bible
1566 Green New Testament. Near uniform old boards, rebacked with c19th spine laid down. Rubbed and worn. New endpapers. Title soiled. Creasing and small hole to a3, with loss of three Greek characters. Some markings and occasional marginal worming. Bookplate of English Quaker historian Thomas Hodgkin, with carious ink inscriptions of the Hodgkin family.
Bookseller: Cross and Crown Rare Books
Check availability:
2016-10-31 11:49:44
HERODOTE, ESTIENNE (Henri), VALLA (Lorenzo), HERESBACH (Conrad), SALLIAT (Pierre)
Excudebat Henricus Stephanus illustris veri Huldrichi Fuggeri typographus, 1566 / Paris, Estienne Groulleau, 1556. 2 tomes petit in-folio reliés en un volume, (16) ff-256-12 pp.-(12) ff.-(4)-243 ff., reliure de l'époque plein veau brun, dos orné (coiffes arasées, mors fendus ; mais exemplaire bien solide ; pâle mouillure et trous de ver au 2e tome ; restaurations anciennes). Traductions latine et française d'Hérodote réunies en un volume. Complet des 4 planches gravées hors-texte (Tour de Babylone, Jardins de Sémiramis, Palais de Sémiramis, Ville de Babylone). Quelques notes manuscrites d'époque. * Voir photographie(s) / See picture(s). *** Membre du SLAM et de la LILA / ILAB Member. La librairie est ouverte du mardi au samedi de 14h à 19h. Si vous souhaitez passer à la librairie pour un livre, merci de nous prévenir au préalable, l'ensemble du stock visible en ligne n'étant pas immédiatement consultable. ***
Bookseller: Chez les Libraires Associés [France, Paris]
2016-10-30 21:36:49
Utopia 500 Jahre Utopia - More [ Morus], Thomas,
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
2016-10-26 18:33:41
Centorio degli Hortensi, Ascanio.
1566. 4to. 2 vols. in 1. (40), 266, (2) pp. (32), 298, (2) pp. With woodcut printer's devices on both titles, and different device on reverse of final leaf. Contemp. limp vellum. First edition (part 1: second issue) of Centorio's memoirs, here complete with both parts, comprising the years until 1553 (pt. 1) and then continued to 1560 (pt. 2). The author's principal work. Centorio lived in Milan around the middle of the 16th century. "Commentaries on the wars against the Turks from Mohács in 1526 onwards. Offers a detailed account of the conflict between Ferdinand and John Zápolya, as well as of the battles of Castaldo. Although the title of pt. 1 mentions 'Re Lodovico XII', this is about Louis II of Hungary, who drowned after the Battle of Mohács, not about Louis XII of France" (cf. Göllner). Dedications to Ottavio Farnese, duke of Parma and Piacenza, and Consalvo Ferrante di Cordova, duke of Sessa. Includes four sonnets by the author and Lodovico Dolce. "Fine woodcut initials and headpieces" (cf. Apponyi). - Slight waterstain near beginning; front pastedown stamped by the Madrid bookseller Gabriel Sanchez. Edit 16, CNCE 10794/10799. Göllner 1061 (pt. 1 only). Adams C 1269. BM-STC Italian 165. Atabey 211. Jöcher I, 1804. Cf. Apponyi 381 (pt. 1, 1st issue only). Not in Blackmer.
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-22 16:00:40
MANTOVA BENAVIDES Marco
Lorenzo Pasquato, 1566. 4to. (4), 171, (1 blank) leaves. With the printer's device on the title-page and woodcut portraits of Petrarca and Laura on the verso. Contemporary limp vellum with manuscript title on the spine (ties gone, lower portion of the spine repaired, some light browning, but a fine, genuine copy.RARE FIRST EDITION this important commentary on Petrarch's Canzoniere, already attributed to Mantova Benavides by Nicola Francesco Haym (Biblioteca italiana ossia notizie de' libri rari italiani, Milan, 1771, p. 441, no. 12, see also G. Melzi, Dizionario di opere anonime e pseudonime di scrittori italiani, I, p. 60.).&ldquo,The appearance of his Annotationi brevissime on Petrarch's Rime&hellip, suggests a spurt of activity in leisure time pursuits following his semi-retirement in 1564. Yet even though he is no longer teaching full-time, Mantova connects with Petrarch collegially, a somewhat ironic relationship given the latter's avowed hatred of the subject his father had forced him to study in a misspent youth at the universities of Bologna and Montpellier&hellip, A pedagogical intent organizes Mantova's annotations into two books. First comes the commentary, attached to select lines and poems. The second part is a mini-dictionary of rhetoric&hellip, Examples drawn from the poet's verse illustrate classical figures of speech, Latin terms alphabetically ordered&hellip, this volume reveals how readers took possession of the great sonneteer, dissecting his lyric corpus to serve their own purposes. Mantova customizes Petrarch, alighting on passages with legal implicati … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-10-21 19:46:30
CAMPANA CESARE
Vicenza. Giorgio Greco. 1595, 1566. Cm. 22; pp. (8), 123, 1 bianca. Una bella pianta, più volte ripiegata, di cm. 31x34, con 49 rimandi, dell'Assedio di Anversa. Una tabella fuori testo con "Arbore dei Conti di Fiandra". Cartonato rustico seicentesco con lacci. Piccoli restauri al dorso. Ottimo esemplare 497 / P
Bookseller: Galleria La Stampa Antica
2016-10-19 21:44:25
Camerarius, Joachim.
1566. Large 8vo. (20), 424 (not: 423) pp., 1 bl. f., (18) pp. With woodcut printer's device on t. p. Contemp. blindstamped pigskin, monogrammed and dated "I.V.S | 1566". Wants ties. First edition, first printing, of this first and most important biography of Melanchthon. Camerarius was able to consult a large amount of personal correspondence, a fact which makes this work a valuable source to this day. - Wide-margined copy, slightly browned with insignificant waterstain near upper edge. Slight worming to t. p. repaired; numerous contemp. marginalia. The appealingly blindstamped binding can be attributed to the Swabian bookbinder Wolfconrad Schwickart (cf. Goldschmidt, Gothic & Renaissance Bookbindings 227). Somewhat rubbed; modern front pastedown. From the library of Neidstein castle in in the Oberpfalz region of Bavaria. VD 16, C 502. IA 130.520. Hartfelder 624, 43. Schottenloher 15023. Ebert 3391.
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-12 18:28:18
Bolognino ZALTIERI (Attivo a Venezia nel 1566)
1566. Rara carta geografica raffigurante la città di Tunisi con l'antica Goletta e le coste settentrionali del Nord Africa, con le rovine di Cartagine. Esemplare nel secondo stato, stampato a Roma dall'editore Giovanni Orlandi nel 1602. La carta è priva del titolo, ma reca una estesa legenda, con la data e la firma dell'autore: "Benigni Lettori, per rappresentarui piu particulari della Città di / Tunesi, holla tenuta alquanto piu larga di quello che importa la / pianta di essa Città secondo la mesura, ò scala delli miglia, laquale / solamente ui seruirà à sapere le distantie da un luogho all'altro: / Piu altra i monti che sono alla sinestra dello stagno per la loro asprez= / za no[n] si possono cultiuare, le Colline alla destra sono tutti fruttifere, / lo stagno non è nauigabile se no[n] per lo canale. La Torre appresso la Go= / letta è per la difesa de' pozzi da quali si ha l'acqua per uso della Città: / Le Mura che abbracciano i borghi sono di altezza di tre braccia, / et debolossime, et solo fatte per reparar all'improuiso assalto de gli / Arabi; Bardo, Mescia, et Restabia sono serragli del Re: jl Borgo / Rabat è habitato da Soldati Christiani: jl Borgo Nifet da gli Arabi: / jl Mercator del bestiame si fa nella piazza appresso la Meschita: / La Piazza de' Christiani è alli Magazeni: il porto appresso le ruine / di Cartagine è quasi ripieno, et no si usa piu: / Venetijs ex æneis formis Bolognini Zalterij / Anno . M . D . LXVI". Bell'esemplare, in coloritura antica, applicato su antico supporto di collezione, con piccoli margini, minime abrasioni, per il resto perfetto sta … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-09 13:24:48
ESTIENNE HENRI.
s.n, L'an 1566 au mois de Novembre. Cm. 17,3, pp. (72) 680. Marchio tipografico inciso al frontespizio. Solida legatura (seicentesca?) in piena pergamena rigida con unghie. Una mancanza al tassello, lievissime fioriture. Esemplare genuino e marginoso, in ottimo stato di conservazione. Si tratta di una delle due ristampe dell'originale, impresse con gli stessi dati tipografici di quest'ultimo; il presente si distingue per la grandezza dei caratteri ed il diverso numero di pagine. Cfr. Brunet II, 1076-77. Celebre opera in cui Estienne, con l'intento di denunciare i controsensi linguistici nella traduzione di Erodoto, ci offre un efficace panorama della vita sociale del Cinquecento. Una sorta di requisitoria contro varie forme d'abuso utilizzate da commercianti, medici, giuristi ed ecclesiastici. Si noti inoltre che "...Henri Estienne dans l'Apologie pour Hérodote s'étonne de l'étrangeté, du merveilleux du travestissement de femme en homme (acte moins vilain que la zoophilie), acte qui n'a rien de commun avec celui commis par quelques vilaines qu'on appelait anciennement tribades". Nel presente testo appare inoltre per la prima volta nella lingua francese il termine "tribade". Contro questo scritto si scatenò la censura e le varie ristampe dovettero spesso variare i passaggi più audaci. Interessante e non comune.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-10-08 20:59:25
ESTIENNE (Henri);
[Genève] [Henri Estienne] 1566 In-12 de (70)-680 pp., vélin, titre manuscrit sur le dos, tranches dorées (reliure du XIXe siècle). Edition originale de troisième tirage. Juste avant la parution de l'ouvrage, Henri Estiene fut sévérement blamé pour cette publication par les magistrats de Genève, raison pour laquelle il dut revoir sa copie et changer quelques passages graveleux et quelques mots jugés grossiers. C'est pourquoi l'édition originale connut trois tirages l'année même de sa publication. Bel exemplaire. Quelques feuillets roussis. Brunet II, 1076 ; Renouard I, 126 ; Schreiber, 161 (pour le deuxième tirage).
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [France, Paris]
2016-10-08 17:54:20
SERLIO, Sebastiano (1475-1554). -
Venezia, Senese e Krugher, 1566. In - 4. Legatura del '600 in pergamena, titolo ms. sul dorso. Con 6 frontespizi architettonici, diagrammi e numerose illustrazioni silografiche n.t., moltissime a piena pagina, incise da Giovanni Chrieger (Krugher) e derivate dalle edizioni originali in - folio. 219, (1 bianco), 52 ff.; antica firma di appartenenza sulla prima carta e nel margine inferiore del frontespizio; alcune carte leggermente ingiallite e lievi aloni marginali su poche carte. Prima edizione in quarto della celebre opera dell'architetto bolognese. I vari libri furono originariamente pubblicati in ordine irregolare e in città diverse (Venezia, Parigi, Francoforte) tra il 1537 e il 1575 (settimo libro). Fu il primo trattato di architettura il cui scopo fosse più pratico che teorico, ed il primo a codificare i cinque ordini. Si distingue per il tono pragmatico, per l'intento didattico e per la grande importanza data alle immagini, risultando un passaggio importante ed anticipatore non solo nella storia della trattatistica di architettura, ma anche nella storia della stampa, in generale. Ebbe un notevole successo, testimoniato dalle numerose ristampe e traduzioni in varie lingue (francese, tedesco, inglese, fiammingo). Cicognara 668. Berlin Kat. 2570. Fowler 327. First quarto edition of Serlio's influential and finely illustrated work. "The first genuine advance in architectural illustration seems to have been made by Serlio, and his Libro Terzo set the type of architectural illustration in Italy for the rest of the century" (Fowler 308). With 6 architectural titles, vari … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Rappaport
2016-10-08 10:33:51
[BOURGOGNE] PARADIN DE CUYSEAULX (Guillaume).
Lyon, Antoine Gryphius, 1566. Petit in-folio de X pp. dont le feuillet de dédicace à François de Bourbon Prince dauphin d'Auvergne), (1)f. de privilège, 995 pp., (16)ff. de table, (1)f. d'errata. Manque le feuillet de titre, un f. de table et le dernier f. avec au verso la marque de l'imprimeur. Restauration en marge de quelques feuillets, rousseurs, quelques cahiers brunis et tachés, mouillures aux feuillets de table, déchirure à un feuillet. Veau granité, dos à nerfs orné de caissons et fleurons dorés. Usures aux coiffes et aux coins, frottements, mors sup. fendus.. Reliure du XVIIIème usagée mais néanmoins solide. Le livre I expose le gouvernement des rois, de lan 378 à lan 1034 - de la fin de lépoque gauloise au règne de lempereur germanique Conrad II - ; le livre II celui des ducs, de 892 à 1361 - de la création du duché par Charles le Chauve et son attribution à Boson à la mort de Philippe II de Rouvres, dernier représentant de la première lignée de France - ; le livre III celui des Valois, de 1362 à 1482 - de lavènement de Philippe II le Hardi au rattachement définitif au domaine royal. Edition originale de ces célèbres annales qui couvrent l'histoire de la Bourgogne depuis l'antiquité jusqu'à la mort de Marie de Bourgogne en 1482. BAUDRIER VIII, 345 ; Saffroy, II, 19019.
Bookseller: Librairie Bertran [France, Rouen]
2016-10-04 22:43:59
[REVUE]
1566Paris, Directeur Pierre Morhange, 6 numéros en 5 livraisons de mars 1924 à mars 1925. Cinq volumes gr. in-8, brochés, couvertures à rabats, 651 pages (pagination continue). Collection complète de cette importante revue d'avant-garde fondée par quatre étudiants en philosophie à la Sorbonne (Pierre Morhange, Norbert Guterman, Georges Politzer et Henri Lefebvre). Au sommaire : Cocteau, Drieu La Rochelle, Delteil, Max Jacob, Crevel, Soupault, Proust, Supervielle, Julien Green, Jouhandeau, Massignon, Gangotena, John Brown, etc. Notons aussi la présence dans chaque numéro (12 articles) du jeune Jean Grenier sous le pseudonyme de Jean Caves. Exemplaires bien complet des différents suppléments (l'avis de parution daté du 14 mars 1924, les suppléments aux numéros 1, 3 et 4, la bande du numéro double, la table des articles). Un dos fendu sans gravité.
Bookseller: Librairielegalet
2016-10-03 13:04:01
Bartolomeo FUMI (FUMO)
Venetiis, apud Dominicum Nicolinum, 1566. frontespizio con incisioni; capilettera e finali incisi; testo in latino su due colonne; annotazioni d'appartenenza
Bookseller: Libreria Editrice Belriguardo
2016-10-01 14:43:32
Serafino da Bologna
Alessandro Benacci, 1566. Serafino da Bologna. Bologna, Alessandro Benacci, 1566. Dialogo fra il Santissimo Crocifisso, & l' Anima divota. nel qual si parla dell' amor divino. Con molte Orationi, & cose divotissime, & utilissime alle Anime. Posto in luce da Don Seraphino da Bologna Canonico Regulare. (In fine:) Bologna, Alessandro Benacci, 1566. In - 8°, leg. recente con pergamena antica. 16 ff. con grande silografia nel frontespizio raffigurante il Crocefisso con in basso la Madonna ed un angelo. Rarissima placchetta sconosciuto anche al Fantuzzi, >, che nel vol. VII, p. 392 - 93 menziona l' Autore e le sue opere. Manca ai cataloghi Cavalieri, Marzorati, all' Adams e al British Museum, Italian books. Uff. Mob. 2.
Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari
2016-09-27 17:08:41
BERNARDO DA CHIARAVALLE (S.)
Accuratiore, quam unquam antea, recognitione, ac solerti ad vetustiorum exemplarium fidem collatione, integritati suae restituta. per haeredes Ioannis Heruagij, Basilae, 1566. In-4 gr. (mm. 362x240), p. pergam. antica, dorso a cordoni (picc. manc.) con tit. oro su tassello, 5 cc.nn., 1968 pp.num. (testo e numeraz. delle pagg. su due colonne), 5 cc.nn. di Appendice alle Opere, 1 c.b., 23 cc.nn. di Indice. Cfr. Adams,I, (710), p. 114. Bernardo di Chiaravalle (fr. Clairvaux), santo (1090/91 - 1153), dottore della chiesa, asceta, scrittore; di nobile famiglia, entr nel monastero di Citeaux; fond nel 1115 labbazia di Chiaravalle e si dedic allincremento dellOrdine cistercense, che difese contro le critiche dei cluniacensi, e di cui egli, fermo nel sostenere lapplicazione della regola di S. Benedetto pu ritenersi il secondo, e principale, fondatore.. Oratore efficacissimo, asceta e mistico.. i suoi sermoni sono fra i testi fondamentali della mistica cristiana occidentale. Cos Diz. Treccani,II, p. 231.Con uniformi arross., pi o meno lievi; qualche fiorit. o alone, ma complessivam. un discreto esemplare.
Bookseller: Libreria Malavasi sas [Italy]
Check availability:
2016-09-26 16:03:53
PLUTARQUE, GIOLITO DI FERRARI
Vinegia, Gabriel Giolito de Ferrari, 1566. 2 volumes in-8, (88)-860 et (48)-470-(2) pp., reliure du XVIIe plein veau brun, dos ornés, tranches mouchetées (reliure frottée, coiffes arasées, épidermures, manque à la pièce de titre du tome 1). Belle impression italienne du XVIe, jolies lettrines ornées gravées sur bois. * Voir photographie(s) / See picture(s).* Frais de port en sus. * Membre du SLAM et de la LILA / ILAB Member. * La librairie est ouverte du mardi au samedi de 14h à 19h. * Si vous souhaitez passer à la librairie pour un livre, merci de nous prévenir au préalable, l'ensemble du stock visible en ligne n'étant pas immédiatement consultable. *
Bookseller: Chez les Libraires Associés
2016-09-24 04:10:46
TIRAQUEAU ANDRE'.
apud Guliel. Rovillium, 1566. Cm. 33, pp. (20) 732 (54). Bel frontespizio interamente inciso in xilografia, ritratto di Tiraqueau in ovale, bei capolettera figurati e testatine. Solida ed elegante legatura seicentesca in piena pelle, dorso a nervi con titoli e ricchi fregi in oro. Tagli colorati. Una piccola mancanza alla cuffia superiore, peraltro bell'esemplare, fresco, marginoso ed in ottimo stato di conservazione. Cfr. Sapori che cita un'edizione posteriore.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-20 21:46:22
[EPISTOLARIO - BARTOLOMEO DI PORCIA o DA PORCIA - TASSIANA].
1566. [Vari luoghi 1566-1578]. 29 lettere originali manoscritte, tutte firmate dagli autori, rilegate in un volume in-folio, cartonatura settecentesca originale. Gli autori delle missive a Bartolomeo di Porcia, Nunzio Apostolico in Germania, sono: Giovan Battista Castelli, Lodovico Cithinio, Francesco Bonomini, Giovanni Chucchetti, Coriolano Riccio, Ercole Soldonieri, I Deputati della Patria del Friuli, Feliciano Ningarda, Carlo Crossa, Giovanni vescovo di Torcello, Benedetto Lamberti, padre Canisio gesuita, abate Di Maggio, Cesare Spaciani, Giuseppe Ciurletta, Claudia di Porcia, Caspar Helwod, l'Arciduca Ferdinando d'Austria, Giovanni Zuccaro, Urbano vescovo di Possa, Sebastian Freytag. Nelle due lettere di Benedetto Lamberti da Ferrara si parla del Tasso e della conclusione della Gerusalemme Liberata. Chi ha riunito le lettere nel volume, nel Settecento, le ha anche numerate e indicizzate: rispetto alla serie originale (che ne contava 32) mancano la 12, la 13 e la 17 (quest'ultima era una lettera del Tasso).
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2016-09-19 19:19:51
Mario CARTARO o CARTARI (1560 - 1620)
1566. Bulino, 1566, datato e monogrammato in lastra in basso a sinistra '1566 / MVK.' Magnifica prova, impressa su carta coeva con filigrana "scudo con torre e tre monti", con sottilissimi margini, in eccellente stato di conservazione. La splendida composizione raffigura l'episodio biblico della conversione di san Paolo Apostolo (in ebraico Saul), sulla via di Damasco. Secondo gli Atti degli Apostoli, sulla via di Damasco Saulo fariseo (che sarà presto Paolo Apostolo) caduto a terra udì la voce di Cristo chiedergli: 'Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? (sono le parole latine che si leggono nell'incisione). Subito dopo, perse temporaneamente la vista. La tradizione artistica successiva ha immaginato la caduta a terra come una caduta da cavallo ma il particolare è assente negli Atti. Anche in questa rarissima incisione di Cartaro, San Paolo è raffigurato nel centro sul suo cavallo caduto. Opera di incredibile rarità. "Engraving, 1566, dated and lettered at lower left '1566 / MVK.' A great impression, printed on contemporary laid paper with watermark "shield with a tower and three mountains"", with thin margins, in perfecy condition. The conversion of St Paul who is on his fallen horse in the centre, Jesus appears in a cloud above and soldiers flee the apparition. According to the Acts of the Apostles, on the way to Damascus Saul the Pharisee (soon to be Paul the Apostle) fell to the ground when he heard the voice of Christ saying to him, 'Saul, Saul, why do you persecute me?' (lat. "Saul, Saul cur me persequeris?") and temporarily lost his sight. A superb example of this very … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-18 16:11:55
Divi Cyrilli Alexandrini, SAINT CYRILLE D'ALEXANDRIE
"Basileae, Per Haderedes Ioannis Hervagii, 1566. (1ff) blanc, Titre, (4ff) n.ch., (1ff) blanc, (192ff), (1ff) n.ch. (T1) ; (2), (111ff), (1ff) blanc (T2) ; (2), (93ff) (T3) ; (1), (76ff) (T4) ; (15), (1) (Index) ; (10), (162ff) et (1ff) blanc (T5). Soit 5 tomes reliés en un volume in folio (39*27 cm) plein vélin d'époque, décoré à froid. Reliure à fermoirs (un seul subsiste, fonctionnel). Reliure noircie, mais restant en bel état de conservation pour l'époque. Bel état intérieur. Bon exemplaire, bien complet. Chaque tome comporte une page de titre (tampon sur la première page de titre). Contient quelques lettrines. Texte sur deux colonnes. Rare édition des oeuvres de Saint Cyrille d'Alexandrie."
Bookseller: Le Pettit Libraire
2016-09-17 17:46:12
Paris Dallier 1566 In-8 de 4 ff. Reliés à la suite : Ordonnance du Roy concernant les trésoriers et officiers de sa gendarmerie et les commissaires députez, pour enquérir de leurs malversations, et l'assassinat attenté en la personne de maistre Antoine Joulet, sieur de Chastillon. Paris, Robert Estienne, 1566. In-8 de 4 ff. Ordonnance du Roy pour le payement de sa gendarmerie, pour le quartier d'avril dernier et monstre d'icelle, assignée au 3° novembre prochain. Paris, Robert Estienne, 1566. In-8 de 4 ff. 3 pièces reliées en 1 vol. petit in-8, cartonnage à la Bradel, pièce de titre en maroquin rouge en long (Lemardeley). Précieux recueil de trois ordonnances de 1566 - les deux dernières imprimées par Robert Estienne, relatives à la Gendarmerie sous Charles IX. On a relié en tête de volume 6 feuillets manuscrits sous le titre de Table des recueils contenus en ce volume, où sont d'abord citées les trois pièces de ce recueil, suivies de trente titres de la même période.
Bookseller: Libraire Bonnefoi Livres Anciens [FR]
2016-09-17 09:00:42
PLINE, Second - DU PINET, Antoine.
A Lyon, A la Salamandre Par Claude Senneton, 1566, 2 volumes in-folio de 365x230 mm environ, tome I : (1) f., (6) ff. (titre avec grande vignette gravée de l'imprimeur, épistre, ode, privilege)-xxxj-678 pages-(1)fb-(78) ff. de table avec 2 feuillets manuscrits dans le cahier H, (1) f. de colophon à la marque de l'imprimeur, (1) fb, - tome II : (1) fb, (16) ff. (titre avec grande vignette gravée de l'imprimeur, épistre, sommaires, table)-745 pages- (1) fb, (51) ff. (table), (1) f. de colophon à la marque de l'imprimeur, plein veau cognac, dos à nerfs portant titres et tomaisons dorés, pi-ces de titres en maroquin bordeaux, ornés de caissons à petits fers dorés, plats encadrés d'un double filet doré, tranches mouchetées de rouge. Les Tables des noms et matières des deux tomes ont une page de titre particulière. Bandeaux historiés. Lettrines ornées gravées sur bois. Belle marque de Charles Pesnot au titre et en colophon : une salamandre dans les flammes à la devise "Durer, mourir et non périr". Fréquentes erreurs de pagination sans manque de page (confirmé par les réclames et signatures), des mouillures et rousseurs, taches p. 350-351 et déchirure dans la marge p.357-358 du tome I, manque de matière sur les coins et coiffes mors fendus, frottements et épidermures. Pline l'Ancien (en latin Gaius Plinius Secundus), né en 23 ap. J.-C. à Novum Comum (l'actuelle Côme) dans le nord de l'Italie et mort en 79, à Stabies (Stabia en latin), près de Pompéi, lors de l'éruption du Vésuve, est un écrivain et naturaliste romain du Ier siècle, auteur d'une monumentale encyclopédie intitulée … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Diogène SARL [Lyon, France]
2016-09-16 09:16:58
TITO LUCREZIO CARO / Hubert VAN GIFFEN
Antverpiae, ex Officina Christophori Plantini, 1566. Rara edizione, uscita dai torchi del Plantin, del "De Rerum Natura" e di una vita di Lucrezio pubblicata da Hubert Van Giffen, famoso filologo olandese. "L'edizione di van Giffen riporta alla carta 18v un epigramma del medico Iohannes Gropius Decanus, altrimenti ignoto e uno del medico Hadrianus Junius, erudito e umanista, autore di un fortunato libro di emblemi. L'edizione inoltre riportava una traduzione e l'originale delle opere di Epicuro (pp. 235-298), il testo greco della descrizione della peste di Atene di Tucidide (pp. 470-473) e un ricchissimo(pp. 299-468). Prodotta esplicitamente per competere con l'edizione di Lambin (cit. n. 5) quella di Giffen, pur ostentando un'apparente eru- dizione, e` meno incisiva nell'esplicazione delle dottrine scientifiche. Come poi ha dimostrato Munro (cit. n. 119, vol. 1), Giffen ''saccheggio` '' l'edizione di Lambin facendo proprie molte delle lezioni dell'umanista francese senza menzionarne l'autore e la sola ragione del suo successo fu do- vuto alla sintesi che seppe portare al commento e, forse, alla splendida composizione tipografica realizzata da Plantin. Lambin reag`i al plagio nell'edizione, aggiornata e aumentata, del 1570 con una decisa ed efficace difesa". (M. Beretta - F. Citti, Lucrezio la Natura e la Scienza, Olschki Firenze, 2008) Testo in latino e greco su una e due colonne con glosse editoriali; frontespizio con marca tipografica xilografata; capilettera e finali xilografati; alcuni errori tipografici di numerazione
Bookseller: Libreria Editrice Belriguardo
2016-09-15 18:03:36
Tommaso d’Aquino (San)
Oliva Pet. Lhuillier, 1566. Folio (cm. 32), 339 cc., 4 cc.nn. (di cui l’ultima bianca). Grande incisione xilografica al frontis. Legatura antica in piena pergamena molle (con risarcimenti ai margini e al ds.). Titolo ms. al taglio inferiore. Scitte di appartenenza al frontis. Carte uniformemente ingiallite. Un percorso di tarlo che interessa in minima parte anche il testo su circa 40 carte, altrimenti buon esemplare. Raro.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2016-09-14 15:48:33
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1566. Prima edizione della carta georgafica della Baviera di Paolo Forlani, con la data 1566. Il Forlani replicherà la mappa nel 1570, cambiando la data nel cartiglio e apportando alcune modifiche. La carta sarà poi ristampata a Roma da Giovanni Orlandi nel 1602. Acquaforte e bulino, con inusuali ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Rara. First edition of the map of Baviera by Paolo Forlani, with the date 1566. A second version of the map, by Forlani himself, apperas in 1570;M then the map was published in Rome by Giovanni Orlandi, with the date 1602. Engraving, a fine example with full margins. Rare. Venezia Venice F. Borroni Salvadori (1980), p. 31 n. 83; Tooley, Italian Atlases, 130; Woodward 84; Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, 17. 360 290
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 00:44:29
PORCACCHI Thomaso
Appresso Gabriel Giolito De Ferrari, 1566. In 4, cc. (16) + 197 + (1). Insegna tip. al f. e all'ultima c. P. pg. coeva con piccola manc. al p. ant.,  scarse bruniture ai marg. Stampa a caratter corsivo con molti capolettera xil. Dal Bongi si ricava che la maggior parte degli esemplari porta al f. la data 1567. Nella dedicatoria indirizzata al Mons. Luigi Diedo, il Porcacchi espone caratteri ed intenzioni che sottendono al suo progetto editoriale  di "collana historica" della quale questo testo rappresenta "la seconda gioia" e attribuisce al Giolito la paternita' di "cosi' honorato assunto, secondo che da molti vien chiamato il vero cultore di questa nostra lingua". Sempre il Bongi osserva che "il libro e' ora affatto fuor d'uso benche' motivato dal concetto moderno di raffrontare gli avvenimenti per cavarne cio' che oggi si dice la filosofia della storia". Bongi, II, 231 - 232. ITA
Bookseller: Libreria Antiquaria Coenobium
2016-09-09 11:08:20
FRACANZANI Antonio
Maria, Marco de, 1566. in - 4, pp. 94, (2 bb.). Leg. coeva cart. Impresa tipogr. al tit., alcune iniz. silogr., testo in nitido car. rom. Prima ed unica edizione di questo interessante trattatello concernente la dietetica, ultimo lavoro del Fracanzani publicato in vita, frutto del ciclo di lezioni di medicina teorica tenute a Padova. «Dedicato al card. Alessandro Farnese, l'opuscolo presenta la traduzione latina del testo ippocratico corredato di un breve commento per ogni singola frase.., il linguaggio fortemente tecnico e la stringatezza dello stile conferiscono all'opera un carattere di "prontuario" per medici eseprti, o per studenti già in possesso delle basilari nozioni di medicina ippocratica» (Diz. Biogr. Ital.vol. 49, p. 524 - 5). Il Francanzani (Vicenza 1506 - Padova 1567) fu illustre medico e professore nelle Università di Padova e Bologna, autore anche del "De morbo gallico fragmenta", pubblicato nel 1563 a Padova in appaendice all'omonima opera di Gabriele Falloppio. Bellissimo esempl. a pieni margini, con barbe.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-09-05 14:51:55
GALLO AGOSTINO.
1566. Incisione in rame, mm 270x190; titolo a sinistra longitudinalmente sul margine bianco. Questa rara carta deriva dall'originale di Cristoforo Sorte e, ridotta, viene inserita in Le tredici giornate dell'agricoltura e de' piaceri della villa. Riporta agli angoli gli stemmi delle province confinanti come anche la carta del Sorte. Da Brescia si dipartono alcune linee rette con l'indicazione delle distanze con le città limitrofe. Copie di questa carta sono anche però inserite in raccolte lafreriane, a testimonianza che circolasse anche sciolta. Se ne conosce anche uno stato con i toponimi ritoccati, probabilmente edito da Rascicotti. Ottimo esemplare con usuale breve margine ai lati, mentre in alto e in basso è rifilata lungo la linea di inquadramento con lievissima perdita di parte incisa a sinistra (circa 1 mm). Lieve alone agli angoli Bifolco - Ronca, Cartografia rara italiana: XVI secolo. Italia e i suoi territori. tav. 44; Fontanella - Nova, Il territorio di Brescia nell'antica cartografia a stampa, 3; Perini, L'Italia e le sue regioni nelle antiche carte geografiche, p. 58; Meurer, The Strabo illustratus atlas, 62; Almagià, Monumenta cartografica vaticana, pp. 86,7.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-08-30 15:07:05
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1566. Carta geografica dell'Egitto di Paolo Forlani, edita a Venezia nel 1566. La prima carta moderna della zona. Prima versione della carta del Forlani, che replicherà nel 1570 con il titolo La Nuova et copiosa descritione di tutto l'Egitto. Dal punto di vista cartografico la mappa deriva dalla carta murale dell'Africa di Gacomo Gastaldi, che il Forlani tradusse a stampa nel 1562. Assolutamente misterioso il motivo per il quale Paolo Forlani riuscì ad avere l'autorizzazione a pubblicare questa mappa dell'Africa, che deriva in tutto dalla carta murale manoscritta di Giacomo Gastaldi, realizzata nel 1549 come decorazione di Palazzo Ducale a Venezia. In realtà l'autorizzazione forse non ci fu e la dedica nel cartiglio della mappa a Tommaso Ravenna, capo della Scuola di San Marco, lascia presupporre che forse Forlani riuscì a tradure a stampa le informazioni cartografiche della mappa di Gastaldi eludendo il volere dell'autore. Acquaforte e bulino, con inusuali ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Rara. The first modern printed map of Egypt, by Paolo Forlani, published in Venice in 1566. First version of the Forlani map of Egypt, which will replicate in 1570 under the title La Nuova et copiosa descritione di tutto l'Egitto. The map is derived from the wall map of Africa by Gacomo Gastaldi, that Forlani translated to a printed map in 1562 . Absolutely mysterious reason why Paolo Forlani have the permission to publish this map of Africa, resulting in everything from the manuscript wall map by Giacomo Gastaldi, built in 1549 as a decoration of the Palazzo Ducale in Veni … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-28 00:53:40
HERODOTE
Excudebat Henricus Stephanus illustris veri Huldrichi Fuggeri typographus, 1566. - Excudebat Henricus Stephanus illustris veri Huldrichi Fuggeri typographus, [Genève] 1566, in Folio (34,7x23cm), (16) 256pp., 14pp. (4pl.) (22)., relié. - Prima edizione prodotta da traduzione di Henri Estienne di originale greco in latino. Bella stampa in caratteri latini, chiaro, con note a margine. 'Edizione Bella e corretta. Brunet, III, 122. Illustrato con 4 piastre pieghevoli mostrano la torre di Babilonia, i giardini di Semiramide, il palazzo e la città di Semiramide di Babilonia. Queste schede sono spesso carenti. La metà polpaccio smeraldo seconda metà dell'Ottocento, piccoli ferri e rulli lisci indietro. Parte rossa del titolo. Copia Molto fresco. Restauro delle ganasce. Il libro inizia con una scusa per la storia di Erodoto Henri Estienne (dal 3 ° generazione di Estienne, illustre famiglia famosa per i suoi editori di edizioni latine e greche), che ha scritto in risposta ad alcune autorità ecclesiastiche che hanno criticato la storia di Erodoto. La traduzione è opera dell'umanista italiano Lorenzo Valla (1406-1457), latinista e grecista riconosciuto, ha iniziato la traduzione nel 1450. Vita di Homer è di per sé il lavoro di un umanista tedesco Conrad Heresbach . Colui che è stato chiamato il padre della storia interessati alle guerre persiane e l'Egitto, ma più notevole per noi è il suo metodo contemporaneo che gli è valso il soprannome, ha scritto nulla prima della visita luoghi dove era stato condotto storia. I suoi libri sono così ricchi una ricchezza di osservazioni dal campo. E … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-26 12:42:44
FALLOPPIO GABRIELE.
Apud Donatum Bertellum, 1566. Cm. 20, cc. (4) 102. Marchio tipografico al frontespizio e capolettera istoriati. Semplice legatura ottocentesca in cart. muto. Esemplare con qualche traccia di polvere, piccole gore marginali più evidenti ad alcune carte. Una nota di possesso ms. al frontespizio. Seconda edizione, apparsa tre anni dopo la rara impressione originale, di questo trattato medico cinquecentesco in cui vengono presi in esame i problemi della pelle (ulcere e tumori) fornendo importanti ed innovativi suggerimenti per il loro trattamento.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1566. De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo.. Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana. Le carte della raccolta sono datate tra il 1566 ed il 1568; secondo un recente studio di Albert Ganado (1993), trentadue di queste risultano essere ristampe dei rami di Paolo Forlani e di Domenico Zenoi, per la prima volta apparsi ne Il primo libro d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1566. De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo.. Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana. Le carte della raccolta sono datate tra il 1566 ed il 1568; secondo un recente studio di Albert Ganado (1993), trentadue di queste risultano essere ristampe dei rami di Paolo Forlani e di Domenico Zenoi, per la prima volta apparsi ne Il primo libro d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 15:02:15
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1566. De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo.. Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana. Le carte della raccolta sono datate tra il 1566 ed il 1568; secondo un recente studio di Albert Ganado (1993), trentadue di queste risultano essere ristampe dei rami di Paolo Forlani e di Domenico Zenoi, per la prima volta apparsi ne Il primo libro d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 13:45:36
Philipp de Soye (Soye 1538 circa - ?)
1566. "Bulino, 1566, firmato in lastra, sotto la panca a sinistra Philippus Sericus fecit, e datata MDLXVI, a destra della didascalia. Da un soggetto di Michelangelo Buonarroti. Splendida prova, impressa su carta vergata coeva cn filigrana ""pellegrino nel cerchio con stella"" rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Il soggetto dell'incisione è tratto dal disegno a sanguigna di Michelangelo della Collezione Duke of Portland di Londra, incluso tra le opere eseguite intorno al 1540 per Vittoria Colonna. La prima traduzione a bulino del disegno è di Giulio Bonasone, e reca la data 1561. Questa incisione rappresenta la seconda delle due versioni del tema che Philippe Soye incise per Antonio Lafrery. La prima, molto diversa nella raffigurazione e posa di tutte le figure, e nei dettagli architettonici, è datata 1565. Questa seconda versione è molto più vicina all'opera del Bonasone. La scena raffigura Maria, seduta, con le gambe accavallate, e il Bambino che dorme sdraiato sulla panca con la testolina appoggiata sulla gamba di lei. La Vergine, con la mano destra, tiene aperto un libro sulle cui pagine sono riportati i versetti biblici relativi alla beatitudine di Maria. Più indietro, a destra, coprendosi la bocca con la mano, è S. Giuseppe, di cui nelle Sacre Scritture non è mai riportata la parola. Sulla sinistra, è raffigurato l'arcangelo Gabriele, con l'indice rivolto verso l'alto, rimandando probabilmente al concetto espresso nella didascalia: DORMIENTE PUERO IESU DIVINA MENS VIGILA ovvero Mentre il bambino dorme, la mente divina vigila. L'incisione r … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 13:19:31
MESUE Jean
apud Guliel. Rovillium, 1566. - apud Guliel. Rovillium, Lugduni (Lyon) 1566, in - 8 (16,7x11,5cm), de (14) 364 pp., relié. - La prima edizione di questi tre trattati Mesuè commentati da Silvio apparsa a Parigi nel 1542 in un cristiano Weschel vol. in Folio. Edizione ha attraversato diverse edizioni nel 1544 e 1548. Brunet III, 1675. Lembo flessibile Velina tempo pieno con tracce di lacci. Mancano alcuni dei lembo superiore. Abu Yahya Ibn Zakariya Masuyah ha detto Jean Mesuè, medico cristiano nato in Khuz vicino a Ninive nel 776 e morto a Baghdad nel 855, dove ha praticato e pratica della medicina, ed è stato il medico personale del califfo Harun al - Rashid. Oltre al ruolo di primo piano ha suonato in medicina araba, che riflette il numero di testi greci, il suo libro di aforismi (assiomi medici) ha avuto un notevole successo in Occidente, alcuni dei quali sono ancora in uso oggi. Ha anche scritto il primo trattato sulla dieta basata sulle proprietà alimentari di Gallien, analizzando gli effetti del cibo sul corpo 140. Inoltre, la medicina araba ha iniziato a influenzare in maniera significativa in Europa nel XV secolo, come arabo aveva commentato e tradotto molti testi greci, tra cui alcuni grandi accademie come Montpellier e Parigi, è qui che troviamo il nostro commentatore, un grande medico del suo tempo, Jacobus Sylvius o Jacques Dubois (1478 - 1554), che officiava a Parigi e Montpellier, guidato da Parigi perché non era MD e portava troppo ombreggiatura sua onore (sono venuti da tutta Europa a consultare). Gli arabi sono soprattutto i padri farmacopea ed è proprio l'in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-22 13:08:52
BASILE DE CESAREE
Apud Sebastianum Nivellium, 1566. - Apud Sebastianum Nivellium, Parisiis (Paris) 1566, In - folio (22x34cm), (55) (1bc.) 1043pp. (1bc.) Sig : Sig. ã6, ?6, ?6, õ6, ?4, A - Zzz6, A* - R*6, S*8, relié. - Edizione originale di Jean Gillot (dalla prefazione). Grande marchio della stampante sul frontespizio. Binding aperto pergamena vintage. Indietro nervi giansenisti. Come parte del marocchino rosso XVII con mancanti sinistra angolo, togliendo la lettera O dell'opera. Molti worm fori cassa d'afflusso e di coda. Angoli piegati, due vittime. Macchie sparse. - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Edition originale réalisée par Jean Gillot (d'après la préface). Grande marque de l'imprimeur en page de titre, fort belle, aaux deux cigognes se querellant un ver, avec 4 épisodes bibliques dans des médaillons autour de la principale figure. Impression sur deux colonnes. Cité dans Index aureliensis. Reliure en plein parchemin d'époque. Dos à nerfs janseniste. Pièce de titre en maroquin rouge du XVIIe, avec manque au coin gauche, supprimant la lettre O de opera. Nombreux trous de vers au caisson de tête et de queue. Coins répliés, dont deux accidentés. Rousseurs éparses. Une mince bande papier sous le titre. Manque la page de garde avant le titre. Feuillet 637 doublé au verso de papier ancien, le feuillet suivant étant noté 640 au lieu de 639, sans manque. Traduction en latin de l'oeuvre complète de Basile de césarée (évêque de la ville éponyme en cappadoce), considéré comme l'un des premiers docteurs de l'église et vénéré en tant que saint par les orthodoxes comme par les catholiques ; ses oeuvres co … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-20 16:17:24
DELLA VALLE ROLANDO.
Apud Georgium de Caballis, 1566. Pp. (72) 500. Insieme a: Consiliorum sive mavis responsorum Rolandi a Valle, iuris cum civilis tum pontificii consultissimi... Liber tertius. Cc. (46) 230 (1). Marchi tipografici a ciascun frontespizio ed anche al colophon della terza. Due volumi di cm. 31. Legatura coeva in pergamena con tiroli manoscritti su etichette ai dorsi. Dorsi con evidenti mancanze, peraltro esemplare genuino ed in buono stato di conservaione. Non comune insieme dei due testi del giurista casalese Rolando della Valle editi in anni diversi e che circolavano anche con valenza singola.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-20 16:17:24
DELLA VALLE ROLANDO.
Apud Georgium de Caballis, 1566. Pp. (72) 500. Unito a: Consiliorum sive responsorum longe praestantissimi atque celeberrimi iurisconsulti... Rolandi a Valle... Tomus secundus. Venetiis, Franciscum de Portonariis, 1569. Pp. (80) 402 (2): Unito a: Consiliorum sive responsorum Rolandi a Valle Iuris cum Civilis, tum pontificii consultissimi... Liber tertius... Cc. (32) 206. Unito a: Consiliorum sive mavis responsorum Rolandi a Valle, iuris cum civilis tum pontificii consultissimi... Liber quartus. Cc. (28) 165 (1). Marchi tipografici a ciascun frontespizio ed anche al colophon della terza e quarta parte. Quattro parti legate in due volumi di cm. 32. Solida legatura settecentesca in mezza pergamena con punte e titoli ms. ai dorsi. Esemplare genuino ed in buono stato di conservazione, privo però della carta C3 dell'ultima parte. Raro insieme dei quattro testi del giurista casalese Rolando della Valle editi in anni diversi e che circolavano anche con valenza singola.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-19 12:00:40
MELANCHTHON. - CAMERARIUS, Joachim (d.Ä.).
- Leipzig, E. Vögelin, 1566. 8vo. 10 Bl., 423 (recte 424) S., 10 Bl. (das letzte weiß). Mit Druckermarke auf dem Titel. Blindgeprägter Schweinsleder d. Zeit (gebräunt u. berieben). Erste Ausgabe, Druckvariante mit Kustode "stißimum" (Bl. A2r). - Die früheste und bis heute maßgebliche Biographie Philipp Melanchthons. Als Quelle über den protestantischen Reformator unersetzlich. "Camerarius war unter Melanchthons Zeitgenossen zum Biographen weitaus am befähigtsten" (Wolf). Titel mit Besitzvermerk von Andreas Middendorp, Jena, 1579. Unter weiteren Besitzeinträgen Cook 1637. Gestochenes Wappenexlibris "Joannes Cook", ein späteres Exlibris. - Schöner Einband des Wittenberger Buchbinders Heinrich Blume, Meister seit 1572 mit Monogramm RGW, Jahr 1578, Rollenstempel aus Bildnissen und Blattwerk, zwei Plattenstempel: vorne Kaiser Karl V., hinten das Wappen des Heiligen Römischen Reiches (Haebler I, 42, Nrn I und V). - VD 16 C 502; Adams C 420; BM STC, German 176; Wolf, Reformationsgeschichte II, 289; Ebert 3391; NDB III, 105; Hartfelder, Melanchthon S. 624, 43; Knaake II, 30. - Leicht gebräunt u. fast durchgehend etwas wasserrandig. Zahlreiche Einträge in brauner u. schwarzer Tinte von mindestens zwei Händen, sauber in lesbarer lateinischer Schrift. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Buch & Consult Ulrich Keip
Check availability:
2016-08-19 01:33:30
DIOGENES LAERTIUS
Farri, Domenico, 1566. in - 8, ff. (8), 251, (1 bianco), bel carattere corsivo. Magnifica legatura coeva lionese in vitello bruno con filetto di riquadro e medaglione in stile orientale impressi oro ai piatti; su quello anteriore si legge il nome di Cesare Negrolo entro cartiglio. Dorso a nervi con piccoli ferri in oro e titolo (abili lievi restauri alle cuffie e alle cerniere). Sul titolo grande impresa silogr. dello stampatore. Seconda edizione completa in italiano (prima 1545) delle "Vite e Sentenze" composte in greco da Diogene, scrittore del III sec. d.C., e tradotte da Bartolomeo Rostini. L'opera in dieci libri fornisce preziose notizie per la conoscenza della biografia e del pensiero di un gran numero di filosofi antichi fino al II sec. Testo assai noto nel Medioevo, ebbe enorme successo durante l'Umanesimo ed il Rinascimento. Esemplare appartenuto a Cesare Negrolo, banchiere e mercante di origine milanese, celebre collezionista anche di dipinti, che nel 1569 costituì una società con lo zio Domenico Negrolo per la vendita a Parigi e Lione di tessuti, armi e armature prodotti a Milano. Tornò a Milano nel 1574, dopo la morte dello zio, per iniziare un'attività finanziaria che ebbe enorme successo, salvo poi fallire nel 1585. Nel 1580 venne coinvolto in un eclatante e violento fatto di cronaca. Avverso a Ottaviano Visconti per la volontà sua e del Visconti di sposare la medesima donna. La questione si venne risolta nel convento di S. Maria delle Grazie da Carlo Borromeo, con la rinuncia del Negrolo e le nozze tra il Visconti e la ragazza. La preziosa legatura in cui è i … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-18 23:24:03
WOLFF [WOLF] (Kaspar Hans) et MUSCIO [ou] MOSCHION
Bâle, Thomas Guarin, 1566. 2 parties en un volume de (10) feuillets, 868 colonnes, (11) feuillets ; puis (8), 63 et (1) pages vélin souple de l'époque avec la couture surjetée, dos lisse portant un titre manuscrit ancien (léger manque de peau sur l'extérieur du premier plat) 1566, 1566, in - 4, 2 parties en un volume de (10) feuillets, 868 colonnes, (11) feuillets ; puis (8), 63 et (1) pages, vélin souple de l'époque avec la couture surjetée, dos lisse portant un titre manuscrit ancien (léger manque de peau sur l'extérieur du premier plat), Première édition, peu courante. Il s'agit du premier recueil encyclopédique de textes de gynécologie et d'obstétrique publié à la Renaissance. Cette importante compilation, établie sous la direction de Wolff, comprend des traités antiques, arabes ou modernes portant soit sur les organes de la génération de la femme en général, soit sur les maladies et pathologies qui leur sont propres, soit il s'agit de traités d'obstétrique. Les textes sont en édition originale ou ils furent revus et refondus par Wolff. On lit donc, à la suite : - Une "Harmonia gynaecorium", c'est à dire un manuel général de gynécologie constitué par Wolff d'après des citation d'auteurs antiques tels Cléopâtre (une tradition manuscrite ancienne attribue un texte latin tardif, présenté comme une traduction du grec, à la Reine d'Egypte), Teodoro Prisciano et Muscio ; - Des "Gynaecia" extraites des traités de médecine et de chirurgie d'Abulcassis (Al - Zahrawi), médecin arabe qui vécut en Espagne autour de l'an 1000 ; - "Muliebrum liber" de Trotula, que Wolff attribue (par … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Alain Brieux
2016-08-18 12:04:19
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1566. Acquaforte e bulino, circa 1566/68, monogrammata in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Battista Franco. Esemplare nel primo stato di due, avanti la cancellazione del monogramma del Bertelli. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini o rifilata al rame, piccoli interventi di restauro perfettamente eseguiti all'angolo inferiore destro e nel margine inferiore, per il resto in ottimo stato di conservazione. L'opera deriva dall'incisione di Battista Franco, rispetto alla quale è in controparte, ed è assolutamente rara. Attribuita erroneamente a Domenico Zenoi, il cui nome appare in basso al centro quale editore della lastra, probabilmente per il fatto che negli esemplari di secondo stato il monogramma del Bertelli è abraso. Ferrando o Ferdinando Bertelli è membro della famiglia di editori, incisore e mercanti di Venezia, dove insieme al probabile fratello Donato aveva una libreria in San Marco. Sebbene meglio conosciuto come editore di mappe per Gastaldi, Forlani e Camocio, iniziò la sua attività producendo ed incidendo lavori da Tiziano, Farinati, Giulio Romano, Battista del Moro, Battista Franco ed altri, avvalendosi anche della collaborazione di incisori quali Mario Cartaro, Giulio Sanuto, Giovan Battista cavalieri e anche Domenico Zenoi. Non è chiara la relazione tra tutti i personaggi citati, che spesso si alternavano nei ruoli, e spesso è assolutamente impossibile sapere chi sia l'autore della lastra e chi l'editore. Domenico Zenoi ottenne il privilegio per la stampa, della durata quindicennale, dal Senato della … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.